Domenica, 25 Novembre 2007 01:02

I banchi nel canale di Sicilia

"Al largo della Sicilia, in acque internazionali, secche e banchi sono conosciuti solo a pochi lupi di mare. Immergersi là dove si dice si riproducano anche gli squali bianchi è un'esperienza che è sempre stata riservata a pochi. Nel nostro immaginario collettivo, gli ambienti vergini e incontaminati sono ubicati in luoghi lontanissimi e sperduti. Immaginate quindi quanto possa essere amara la sorpresa di un subacqueo, quando, arrivato dopo un lungo, estenuante e costoso viaggio, dall'altra parte del pianeta, scopre che la località vergine tanto sognata non esiste più. inare.Talvolta, invece, accade che i nostri sogni si esaudiscano in modo inaspettato in luoghi più prossimi di quanto in realtà si possa immaginare". Così scrive il mio amico e compagno d'immersione Paolo Fossati sulla rivista Aqua, dopo aver esplorato insieme alcuni banchi del canale di Sicilia per due stagioni consecutive. Il lupo di mare che ci ha guidati con la sua barca in quel fantastico e poco accessibile braccio di mare è Filippo La Ciura, subacqueo professionista e, per molti anni, membro dell'équipe di Enzo Maiorca. Dal 1989 Filippo si è dedicato alle crociere subacquee mediterranee, scegliendo Scherchi tra le sue mete e utilizzando una bella e robusta imbarcazione a vela di 24 metri.
Pubblicato in Biologia Marina