il museo archeologico di Lipari

Museo Archeologico Regionale Eoliano
Lipari (Messina), Via del Castello
Tel. +39 090 9880174 - 9880594
Fax +39 090 9880175

Aperto i giorni feriali dalle 9 alle 14. - Domenica e festivi alle 9 alle 13.
Nella stagione estiva il museo è aperto il pomeriggio limitatamente al settore classico.

SERVIZI:
• Biblioteca
• Audiovisivi e sussidi informatici
• Punto vendita materiale illustrativo
• Vietato l'uso del flash

Il complesso museale sorge sulla rocca del Castello di Lipari, imponente formazione vulcanica con caratteristiche di fortezza naturale. Il sito fu sede di abitati preistorici, acropoli della colonia greca di Lipara della successiva città romana e poi ancora nucleo urbano della Lipari medioevale, rinascimentale e barocca (sino all'inizio del XVIII secolo). Di questo ricco retaggio storico l'area del castello conserva cospicue testimonianze (individuate nella planimetria sottostante), che sono connesse all'itinerario di visita del museo.

 

La sede museale è un complesso di più corpi di fabbrica dislocati all'interno dell'area del Castello, alcuni dei quali di notevole interesse storico-artistico. Un edificio del XV secolo è sede della Sezione Vulcanologica, mentre nel settecentesco Palazzo Vescovile è allestita la Sezione Preistorica.

Il museo illustra le vicende storiche ed i caratteri degli insediamenti umani succedutisi nell'Arcipelago eoliano dagli ultimi secoli del V millennio a.C. al medioevo.

Le Collezioni provengono dalle ricerche archeologiche effettuate nell'arcipelago eoliano e a Milazzo dalla Soprintendenza di Siracusa e dalla Soprintendenza di Messina. Un ristretto gruppo di materiali rinvenuti anteriormente al secolo dopoguerra proviene invece da imusei archeologici di Palermo e Siracusa.

L'ordinamento mette in risalto, attraverso suggestive ricostruzioni di ampi settori di scavi e stratigrafie, le connessioni dei reperti esposti con i contesti di appartenenza. La visita al museo ed alle emergenze archeologiche e monumentali dell'area del castello è introdotta e guidata oltre che da apparati didattici tradizionali anche da supporti informatici interattivi.

MAPPA DEL MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE EOLIANO

museo_eolie_mappa.gif

Edificio 1 Sezione Preistorica: preistoria di Lipari, topografia di Lipari nei periodi greco e romano.

Edificio 2 Sezione Epigrafica: cippi e steli funerarie iscritte, dalla necropoli greca e romana di Lipari

Edificio 3 Sezione delle Isole Minori: insediamenti preistorici nelle altre isole dell'Arcipelago Eoliano.

Edificio 4 Sezione di Archeologia Classica: la necropoli greca e romana di Liparie. Lipari in età Romana, Bizantina, Medioevale e in epoche successive; Archeologia di Milazzo; ricostruzione della trincea di scavo della necropoli dell'Ausonio II (età del bronzo) a Lipari.

Sale di Archeologia Sottomarina

Edificio 5 Sezione Vulcanologica: geomorfologia del territorio eoliano per la migliore comprensione delle vicende degli stanziamenti umani succedutisi nei secoli.

Edificio 6 Sala della paleontologia del Quaternario

A Fortificazioni di epoca spagnola
B Cattedrale di S. Bartolomeo e resti del Monastero e chiostro Normanno
C Chiesa della Madonna SS delle Grazie (XVIII sec.)
D Parco archeologico
E Chiesa di Maria SS Immacolata (XVIII sec.)
F Chiesa di Maria SS Addolorata (XVII-XVIII sec.)
G Chiesa di Santa Caterina (XVI-XVIII sec.)

 

museo_eolie_ripostiglio.jpg Neolitico dagli ultimi secoli del V agli inizi del III millennio
"Ripostiglio" di nuclei e lame di ossidiana, Castellaro Vecchio, ultimi secoli del V millennio
Ceramica, ossidiana, selce, reperti in pietra (oggetti di uso comune), ossi lavorati
Lipari (Castellaro Vecchio, Castello, Contrada Diana, Piano Conte), Salina (contrada Rinicedda), Filicudi, Stromboli e Panarea Eneolitico III millennio
Ceramica, ossidiane, selci, reperti in pietra (oggetti di uso comune), scorie di fusione del rame
Lipari (località Spatarella, contrada Diana, Piano Conte), Stromboli, Salina, Panarea (Piano Quartara)
museo_eolie_capeduncole.jpg Età del bronzo dalla fine del III millennio alla fine del X sec. a.C.
Capeduncole ad impasto, abitato sul Castello di Lipari, 1270-1125 a.C.
Ceramica, reperti in pietra (oggetti di uso comune), ossi lavorati, monili (collane in pietra dura, pasta vitrea, ambra, cristallo di rocca), metalli (bronzi)
Lipari (Castello, necropoli di piazza Monfalcone, fondali Marini), Filicudi (abitato di Capo Graziano),Salina (abitato della portella), Panarea (abitato di Punta Milazzese), Stromboli, Alicudi Milazzo (necropoli Predio Caravello e necropoli "Protovillanoviana" dell'Istmo)
museo_eolie_hydrie.jpg Età greca arcaica VIII-VI sec. a.C.
Hydrie e anfore di fabbriche greche, necropoli dell'Istmo, Milazzo, VII sec. a.C.
Ceramica, terrecotte figurate, sarcofagi in terracotta e pietra lavica, cippi finerari in pietra lavica
Lipari (Castello, necropoli di contrada Diana, "bothros" di Eolo), Milazzo (necropoli Dell'Istmo)
museo_eolie_statuette.jpgEtà greca classica V-IV sec. a.C.
Statuette fittili di attori della Commedia di Mezzo, necropoli di c.da Diana, seconda metà del IV sec. a.C.
Ceramica, terrecotte figurate, sarcofagi in terracotta e pietra lavica, steli e cippi funerari in pietra lavica con iscrizioni, metalli (bronzi, monete, ori), scultura
Lipari (castello, "bothros" pozzo votivo, necropoli contrada Diana, Santuario dell'ex Predio Maggiore), fondali marini dell'arcipelago eoliano
museo_eolie_maschera.jpg Età ellenistica IV-I sec. a.C.
Riproduzione fittile di maschera della Commedia Nuova (il giovane ricciuto), necropoli di c.da Diana, prima metà III sec. a.C.
Ceramica, terrecotte figurate, steli e cippi funerari in pietra lavica con iscrizioni, metalli (bronzi, monete, ori),sculture
Lipari (necropoli di Contrada Diana e di Contrada S.Anna, santuario dell'ex Predio Maggiore, Acropoli), Stromboli (Necropoli greca di Ficogrande), Milazzo (necropoli di S.Giovanni), fondali marini dell'arcipelago eoliano
museo_eolie_statua.jpg Età romana e bizantina I sec. a.C. VI sec. d.C.
Statua in marmo di bambina, c.da Diana, fine II sec. d.C.
Ceramica, metalli (bronzi, piombo e ferro), vetri, sculture (statuaria in marmo), epigrafi su marmo, pietra ed intonaco
Lipari (contrada Diana, abitato e Necropoli), fondali marini dell'arcipelago eoliano
Letto 3339 volte